Apple Metal, il nuovo standard per il web

0
463

Il nuovo standard WebGPU, basato sulla tecnologia Apple Metal, viene proposto dall’azienda al World Wide Web Consortium (W3C) come soluzione all‘accelerazione del calcolo generale e della grafica 3D basandosi sulla GPU.

La tecnologia Apple Metal

Presentata per la prima volta da Apple nel 2014 assieme ad iOS 8 con lo scopo di migliorare al massimo le prestazioni del chip Apple A7 e, ovviamente, le versioni successive. La stessa tecnologia è poi stata introdotta anche in Mac OS X 10.11 (El Capitan) con un notevole miglioramento delle prestazioni generali del sistema e della grafica delle applicazioni professionali. Parallelamente, il framework Metal, è stato introdotto all’interno dello sviluppo web in Apple WebKit.



WebKit Logo

Tecnologie simili

Gli enormi passi aventi nel campo delle GPU hanno permesso uno sviluppo di siti web sempre più potenti in campo grafico con altrettanti miglioramenti nelle API software. Piattaforme simili a Metal quali Direct3D 12 di Microsoft, Vulkan del Khronos Group e lo standard OpenGL (sebbene meno potente), sfruttano concetti simili ma, problema che affligge gli sviluppatori, nessuna di queste tecnologie è disponibile per tutte le piattaforme.

In un era dominata dal web, dalla comparsa di WebApp, ma prima di tutto da una diversità di dispositivi nel mercato con tecnologie differenti, uno sviluppatore non si può più permettere di stare dietro a diverse tecnologie di sviluppo dispositivo-specifiche.

presentazione Apple Metal

Un nuovo modo di sviluppo?

Quello che ci propone Apple con le API WebGPU basate su Metal, è il lancio di un nuovo modo di sviluppo alla cui base sta la “multi-piattaforma”. Come scrive Dean Jackson “Il nuovo gruppo del W3C aiuterà a valutare e progettare un nuovo standard web in grado di sfruttare l’hardware delle moderne GPU e allo stesso tempo operare in modo sicuro su una serie di differenti tecnologie grafiche […] Dovranno poter funzionare con altri standard emergenti critici quali WebAssembly e WebVR”.

Facebook Comments

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO